TuttoIndagini.com

Notizie selezionate dagli Investigatori Professionisti di Agenzia Investigativa delle Alpi

Cumulo domanda separazione e divorzio: ancora contrasti

Il Tribunale di Ferrara (Sentenza 31 maggio 2023, n. 406), pur omologando le condizioni di separazione proposte dalle parti, si è espresso in senso negativo in ordine alla contemporaneità tra la domanda di separazione e di quella di divorzio, così dichiarando improponibile la domanda intesa ad ottenere la cessazione degli effetti civili del matrimonio. In contrasto con la pronuncia resa dal Tribunale di Milano (Sezione IX, Sentenza 5 maggio 2023, n. 3542).
Per approfondire: Codice della Famiglia e dei Minori 2023 e legislazione speciale

Tribunale di Ferrara -sentenza n. 406 del 31-05-2023

Iscriviti alla newsletter per poter scaricare gli allegati



Grazie per esserti iscritto alla newsletter. Ora puoi scaricare il tuo contenuto.

Indice

1. Il principio della delega

2. La tesi della praticabilità del cumulo per il solo rito contenzioso

3. Nessuna indicazione dalla Relazione Illustrativa

4. La finalità del cumulo

Volume consigliato

1. Il principio della delega


Richiamando il principio di delega di cui all’art. 1, comma 23, lett. bb), legge n. 206/2021, nonché la nuova formulazione dell’art. 473-bis. 49 c.p.c., 1° comma, il Tribunale ha osservato che la circostanza che il legislatore delegante abbia impiegato i termini “ricorrente” e “convenuto” e abbia posto il criterio di prevedere l’autonomia dei diversi capi della sentenza e di specificare la decorrenza dei relativi effetti (fra cui quelli relativi all’assegno di separazione e a quello di divorzio) risulta indice della volontà di circoscrivere l’istituto del cumolo fra i due giudizi solo a quelli di natura contenziosa.

2. La tesi della praticabilità del cumulo per il solo rito contenzioso


Per il Tribunale di Ferrara, il legislatore delegato, quando ha previsto che la domanda di divorzio possa essere proposta “negli atti introduttivi del procedimento di separazione personale”, intendendosi per tali il ricorso introduttivo e la comparsa di risposta di cui agli artt. 473- bis.12 e 473-bis.16, ha “ribadito” l’opzione per il solo rito contenzioso, e ciò trova ulteriore conferma nel fatto che l’art. 473- bis.51, pur mutuando dalla disciplina contenziosa quanto al contenuto del ricorso congiunto e alla documentazione che deve esservi allegata, non contiene richiamo alcuno all’art. 473.bis 49.


Potrebbero interessarti anche:

Cumulo separazione e divorzio: solo se c’è contenziosoSeparazione e divorzio: art. 473 bis nella Riforma CartabiaSeparazione e divorzio: la prima sentenza che applica la riforma Cartabia

3. Nessuna indicazione dalla Relazione Illustrativa


Ulteriormente, per il Tribunale, nessun elemento in favore del cumulo delle domande congiunte di separazione e divorzio può essere ricavato dalla relazione illustrativa dello schema di decreto legislativo ove, nella parte dedicata al commento dell’art. 473-bis. 49, si è precisato che la domanda di divorzio potrà essere decisa dopo il passaggio in giudicato della sentenza di separazione e il decorso di un anno (e non anche di sei mesi che è la tempistica del procedimento consensuale) dalla comparizione delle parti di fronte al giudice della separazione.

4. La finalità del cumulo


Nella relazione al D.lgs. n. 149/2022 si è affermato che la funzione della norma che consente il cumulo dei procedimenti di separazione e divorzio contenziosi è quella di ottenere un risparmio di “energie processuali” tenuto conto che le due domande, e la relativa attività istruttoria da compiere, contengono sovente aspetti equivalenti e sovrapponibili. Per il Tribunale l’esigenza di risparmio di energie processuali non è ravvisabile nei procedimenti di separazione consensuale che vengono definiti in un breve lasso temporale, strettamente necessario al deposito del ricorso, alla celebrazione dell’udienza di comparizione innanzi al Presidente del Tribunale (ora giudice delegato) e alla pronuncia del decreto di omologa (ora sentenza). L’eventuale adozione del cumulo comporterebbe, per l’effetto, un allungamento dei tempi di definizione dell’unitario procedimento (di separazione e divorzio) non potendo prescindersi dal passaggio in giudicato della sentenza di separazione, dal decorso del termine di almeno sei mesi dalla prima udienza di comparizione, nonché dalla fissazione di una nuova udienza destinata alla verifica della mancata riconciliazione medio tempore.

Volume consigliato


FORMATO CARTACEO

Codice della Famiglia e dei Minori 2023 e legislazione speciale

Questo volume nasce con l’intento di fornire un fondamentale strumento di studio e di lavoro inerente alla disciplina del diritto di famiglia e, in buona parte, anche alla materia delle successioni nonché dei minori e della loro tutela, alla luce della imponente “riforma Cartabia”.Oltre alle norme fondamentali, a quelle dei codici civile e penale e di procedura, nell’opera sono presenti le principali leggi complementari, le direttive e i regolamenti europei, le convenzioni internazionali.Il testo si rivolge specificamente agli avvocati, ai magistrati, ai notai, ai docenti e agli studenti universitari, agli operatori dei servizi sociali, ai concorrenti ai pubblici concorsi.La ripartizione per argomenti ordinati alfabeticamente consente un’agevole consultazione del testo.Fra le discipline contenute nel volume, ricordiamo: • Aborto • Adozione • Cittadinanza • Consultori familiari • Diritto internazionale privato • Donazione di organi • Famiglia e regime patrimoniale (family act) • Immigrazione • Legge “dopo di noi” • Locazione immobiliare • Maternità e paternità • Matrimonio concordatario • Mediazione e conciliazione • Morte • Negoziazione assistita • Parità uomo donna • Procreazione assistita • Passaporti • Privacy • Processo minorile • Riforma Cartabia • Scioglimento del matrimonio • Sottrazione e rimpatrio dei minori • Stato civile e anagrafe • Successioni • Testamento biologico • Tutela dei minori • Unioni civili e convivenze • Violenza contro le donne e in famiglia.Chiudono il volume l’indice cronologico e un dettagliato indice analitico.Luigi TramontanoGiurista, già docente a contratto presso la Scuola di Polizia economico-finanziaria della Guardia di Finanza è autore di numerosissime pubblicazioni giuridiche ed esperto di tecnica legislativa, curatore di prestigiose banche dati legislative e direttore scientifico di corsi accreditati di preparazione per l’esame di abilitazione alla professione forense.

Luigi Tramontano Maggioli Editore 2023