TuttoIndagini.com

Notizie selezionate dagli Investigatori Professionisti di Agenzia Investigativa delle Alpi

Divorzio transnazionale, la competenza ? dello Stato membro se il cittadino vi risiede da sei mesi prima della domanda

In caso di divorzio intra-Ue o transnazionale nell’ambito dell’Unione europea, la competenza dell’autorit? giurisdizionale dello Stato membro ? subordinata alla circostanza che l’attore, cittadino di tale Stato membro, fornisca la prova di aver acquisito la residenza abituale in questo Stato membro almeno da sei mesi immediatamente precedenti alla presentazione della sua domanda. ? questa l’interpretazione dell’art. 3, par. 1, lett. a), del reg. (CE) n. 2201/2003 data dalla Corte di giustizia europea nella sentenza del 6 luglio 2023 (C-462/22). In altre parole, per l’attore, per incardinare la causa nel nuovo Stato di residenza, non ? sufficiente la mera residenza ma dovr? dimostrare una residenza abituale di sei mesi immediatamente precedenti alla presentazione della domanda all’autorit? giurisdizionale, cos? da provare, per tutto tale periodo (almeno sei mesi), di avere un collegamento effettivo con tale Stato membro dell’Ue. In caso di divorzio intra-Ue o transnazionale nell’ambito dell’Unione europea, la competenza dell’autorit? giurisdizionale dello Stato membro ? subordinata alla circostanza che l’attore, cittadino di tale Stato membro, fornisca la prova di aver acquisito la residenza abituale in questo Stato membro almeno da sei mesi immediatamente precedenti alla presentazione della sua domanda. ? questa l’interpretazione dell’art. 3, par. 1, lett. a), del reg. (CE) n. 2201/2003 data dalla Corte di giustizia europea nella sentenza del 6 luglio 2023 (C-462/22). In altre parole, per l’attore, per incardinare la causa nel nuovo Stato di residenza, non ? sufficiente la mera residenza ma dovr? dimostrare una residenza abituale di sei mesi immediatamente precedenti alla presentazione della domanda all’autorit? giurisdizionale, cos? da provare, per tutto tale periodo (almeno sei mesi), di avere un collegamento effettivo con tale Stato membro dell’Ue.