TuttoIndagini.com

Notizie selezionate dagli Investigatori Professionisti di Agenzia Investigativa delle Alpi

Il pubblico dipendente non può fare l’avvocato

La Corte di Cassazione con l’ordinanza 15 novembre 2023, n. 31776 ha affermato che l’incompatibilità assoluta tra professione di avvocato e status di pubblico dipendente integra ex se pericolo per l’ente, agli utenti o ai terzi, non essendo necessario allegare e provare da parte dell’amministrazione il concreto pericolo connesso alla violazione dell’obbligo di comportamento, perché tale rischio è già stato valutato dal legislatore all’art. 53, comma 1, del D.Lgs. n. 165/2001 e agli artt. 1, 2 e 3 della L. n. 339/2003, nonché all’art. 3 del D.P.R. n. 62/2013. In linea con la funzione sanzionatoria delle disposizioni, è consentito il recupero dei proventi di attività esercitata dai lavoratori part-time se lo svolgimento dell’attività professionale concomitante al pubblico impiego non sia stata autorizzata dall’amministrazione di appartenenza o comunque non sia in assoluto autorizzabile. L’ordinanza è da condividere per la ratio di fondo della normativa limitativa del cumulo, poiché tendente a realizzare l’interesse generale sia al corretto esercizio della professione forense sia alla fedeltà dei pubblici dipendenti.