TuttoIndagini.com

Notizie selezionate dagli Investigatori Professionisti di Agenzia Investigativa delle Alpi

LO STALKING SI PUO’ CONSUMARE ANCHE IN AMBITO CONDOMINIALE

LO STALKING SI PUO’ CONSUMARE ANCHE IN AMBITO CONDOMINIALE

(AICIS) E’ stalking (condominiale) molestare allo sfinimento i vicini costringendoli a cambiare le proprie abitudini di vita. Con questa motivazione il Tribunale di Campobasso, nella sentenza n. 530/2019, ha condannato un uomo per atti persecutori ai danni dei suoi vicini, per avere per circa un anno e mezzo cagionato nei confronti dei condomini un “perdurante stato di ansia e di paura” attraverso reiterate condotte moleste e fastidiose, quali ad esempio l’appostamento notturno dietro il cancello o il parcheggiare la macchina in maniera da impedirne l’uscita. Alla base di tali comportamenti una contesa di uno spiazzale di circa 40 metri quadri ubicato al confine delle due proprietà e alcuni lavori edilizi in corso d’opera commissionati dai vicini. Nonostante un iniziale provvedimento di ammonimento, l’uomo continuava con la sua strategia della tensione, al punto da far scattare la denuncia a suo carico per il reato di cui all’art. 612-bis del codice penale.

Secondo il giudice il reato di stalking, «non più confinato a fenomeni di degenerazione dei rapporti affettivi, ma tale da estendersi fino a ricomprendere anche quelle condizioni di prossimità di vita tipiche dei rapporti di vicinato».

Ancora più rigorosa la Cassazione penale (sentenza 28340/2019) secondo la quale integrano il delitto di atti persecutori di cui all’art. 612-bis c.p. anche due sole condotte di minacce, molestie o lesioni, pur se commesse in un breve arco di tempo, idonee a costituire la “reiterazione” richiesta dalla norma incriminatrice, non essendo invece necessario che gli atti persecutori si manifestino in una prolungata sequenza temporale. Nel caso di specie la pronuncia è intervenuta sul ricorso proposto nell’incidente cautelare di un procedimento per reati di atti persecutori ed estorsione, perpetrati in concorso da alcuni condomini nei confronti di altri.