TuttoIndagini.com

Notizie selezionate dagli Investigatori Professionisti di Agenzia Investigativa delle Alpi

Utilizzo Sistema Satellitare Gps su autoveicolo privato

utilizzo_sistemi_gps_nelle_indagini

Sentenza Corte di Cassazione : n.12042 del 18 marzo 2008

Con la Sentenza n. 12042 del 18 marzo 2008 la Suprema Corte ribadisce il proprio orientamento, nello specifico: ai sensi dell’art. 5 del D.M. 269 del 1 Dicembre 2010 “per lo svolgimento delle attività di cui ai punti da a.I), a.II), … i soggetti autorizzati possono, tra l’altro, svolgere, anche a mezzo di propri collaboratori segnalati ai sensi dell’articolo 259 del Regolamento d’esecuzione TULPS: attività di osservazione statica e dinamica (c.d. pedinamento) anche a mezzo di strumenti elettronici”.

I Sistemi Satellitari Gps possono essere applicati su autovetture private, a patto che le stesse siano parcheggiate sulla pubblica via.

Cass. pen. Sez. V, (ud. 30-01-2008) 18-03-2008, n. 12042

1 – Il GUP di Brescia ha dichiarato ai sensi dell’art. 129 c.p.p. n.d.p. perchè i fatti non sono previsti dalla legge come reato, contro B.E. ed altri 21 imputati, appartenenti a varie agenzie private di investigazione, per reati contestati in ciascun caso in concorso a due o più ai sensi dell’art. 623 bis c.p. e art. 617 bis c.p.p., commi 1 e 2 o 3 o art. 617 c.p., ed in taluna ipotesi anche con riferimento alla L. n. 675 del 1996, art. 35, per l’installazione di apparati di intercettazione ambientale di conversazioni tra presenti in autovetture private.
Il P.M. propone ricorso per violazione di legge, analizzando la lettera delle norme, ed il sistema in materia di intercettazioni.
2 – Il ricorso è infondato.
L’unico precedente, citato nella sentenza impugnata (Cass., Sez. 5, n. 4264/05 – rv. 235595), esclude che nel caso di specie si tratti di intercettazioni.
In effetti la questione va risolta con riferimento alla ratio di incriminazione dei fatti contro la libertà morale delle persone, individuabile in rapporto o all’”ambiente” o agli “strumenti di comunicazione”.
Agli “strumenti di comunicazione” si rapportano il titolo dell’art. 617 c.p. “Cognizione, interruzione o impedimento illeciti di comunicazioni o conversazioni telegrafiche o telefoniche” e la frase recata dall’art. 617 bis c.p. “al fine di intercettare od impedire comunicazioni o conversazioni telegrafiche o telefoniche”.
La lettera del titolo e della frase non autorizza affatto a ritenere le due norme incriminatrici estensibili alla captazione di comunicazioni di conversazioni tra presenti.
L’art. 617 c.p. e segg., introdotti con L. n. 98 del 1974, tutelano solo e proprio la riservatezza delle comunicazioni o conversazioni tra persone effettuate con mezzi tecnici determinati, all’epoca il telegrafo o il telefono. L’art. 617 quater c.p., art. 617 quinquies c.p., art. 617 sexies c.p. aggiunti dalla L. n. 547 del 1993 riguardano invece le comunicazioni informatiche o telematiche, cioè strumenti nuovi. Infine l’art. 623 bis c.p., estende le disposizioni a “qualunque altra comunicazione a distanza di suoni immagini o altri dati”.
In sintesi, la riservatezza tutelata dalle norme degli artt. 617 e 623 c.p., è quella assicurata proprio e solo da uno strumento adottato per comunicare a distanza.
Invece la riservatezza di “notizie” ed “immagini” che si rapporta all’”ambiente” è tutelata nell’art. 615 bis c.p., introdotto dalla citata L. n. 98 del 1974, art. 1, con il titolo “interferenze illecite nella vita privata”.
La disposizione di questo articolo fa riferimento ai soli luoghi indicati nell’art. 614 c.p., e cioè l’abitazione o la privata dimora. E l’autovettura che si trovi in una pubblica via non è ritenuta, da sempre nel diritto vivente, luogo di privata dimora (cfr. Cass., n. 5934/81 – CED 149373 e, di seguito, la giurisprudenza relativa alle disposizioni del codice procedurale in materia d’intercettazioni tra presenti che, concernendo l’utilizzabilità delle prove, presume essa quella sostanziale, Cass. n. 1831/98, n. 4561/99 – 2143036, n. 4979/00 – 216749, n. 3363/01 – 218042, n. 1281/03 – 223682, n. 8009/03 – 223960, n. 5/03 – 224240, n. 2845/04 – 228420, n. 26010/04 – 229974, n. 43426/04 – 23096, n. 13/05 – 230533, n. 4125/07 – 235601).


Agenzia Investigativa delle Alpi è da 30 anni leader nelle Investigazioni Private, 

ecco perché il nostro nome  lo conoscono tutti.

IMPORTANTE:

Tramite Noi tutte le Indagini sono legali.

Siamo autorizzati per legge a svolgere indagini secondo il Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza

I Nostri 9 Punti di Forza Di

Agenzia Investigativa delle Alpi

  1. Indagini Informatiche con modalità O.S.I.N.T – SOCMINT – HUMINT con software all’avanguardia
  2. Pedinamento con GPS di ultima generazione come autorizzati dalla Legge vigente per gli Istituti di Investigazioni
  3. Tutte le Indagini sviluppate dal nostro Istituto sono legali in quanto autorizzati a svolgere Indagini per Legge
  4. Collaborazione con più di 250 Studi Legali
  5. Indagini condotte con massima discrezione e riserbo come previsto dalla normativa sulla privacy che regola le indagini per gli Istituti di Investigazioni
  6. Immediatezza di entrata in servizio
  7. Autorizzati a Fornire Prove Fotografiche e Video
  8. Associati alla W.A.D (World Association of Detectives) con corrispondenti in tutta Europa / Nord America / Asia
  9. Operativi in 24 ore sul territorio nazionale e in 48 su quello europeo

Controllo E-mail dipendente

Controllo E-mail dipendente Controllo E-mail dipendente le e indagini sui dipendenti. I diritti del datore di lavoro Quando il datore di lavoro può controllare le

Leggi Tutto »

Sicurezza Informatica:

Cyber Security 360 Sicurezza informatica, IT Security e Cyber Crime Ethical hacking: come testare la sicurezza delle app mobile by Alessia Valentini on Settembre 27,

Leggi Tutto »